Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Continuando la navigazione su omeopata.org senza modificare le impostazioni del browser, l'utente accetta tale utilizzo.

Accetto
Omeopatia Roma
Dott. Candeloro Omeopata
omeopata.org Dr. Candeloro omeopata Omeopatia Omeopatia Hahnemann Omeopatia indicazioni Omeopatia guarigione Omeopatia link Omeopatia divulgazione Studio Omeopatia contatti

Disturbi e terapie omeopatiche

 

L'Omeopatia dalla A alla Z


Disturbi e terapie omeopatiche: premessa

In questa sezione del sito passiamo in rassegna numerosi argomenti relativi a disturbi e malattie comunemente curate, e curabili, con una terapia omeopatica.
Non ci siamo volutamente soffermati, nel corso delle singole schede, sulle modalità di prescrizione e, soprattutto, di ripetizione del rimedio omeopatico, perché personalmente riteniamo che l'omeopatia, per sue caratteristiche peculiari, si presti molto poco al fai da te, ma richieda una padronanza della metodica che origini da uno studio approfondito e complementare a quello accademico tradizionale prima, e poi una pratica di anni in cui l'oggettività, nella scelta del rimedio, rappresenti condizione imprescindibile per ogni buona terapia omeopatica.
Piuttosto abbiamo cercato di far emergere, nel corso della descrizione dei singoli disturbi, alcuni aspetti comuni a tutti che rendono però la prescrizione omeopatica, anche in acuto, sempre personalizzata ad un determinato caso, e come tale rivolta alla causa reale del disturbo o della malattia, cosa che ha, come ultima finalità, quella di pervenire alla sua rapida risoluzione.

Disturbi e terapie omeopatiche: precisazioni

A questo proposito è bene effettuare alcune precisazioni: aspetto fondamentale per curare con l'omeopatia ogni disturbo o malattia a carattere transitorio è individuare l'evento o la situazione scatenante che ha preceduto la sua insorgenza, circostanza questa che è quasi del tutto sconosciuta alla medicina tradizionale; avere, infatti, rimedi che agiscano in relazione alle diverse condizioni climatiche, ambientali e personali che hanno preceduto l'insorgere dei sintomi, significa agire ad un gradino superiore rispetto a possibili fattori, per lo più microbiologici, di norma considerati i principali responsabili di molte affezioni acute, e la cui eradicazione, con terapie anche aggressive, è spesso seguita, nella medicina tradizionale, solo da una maggiore predisposizione alle ricadute.

Disturbi e terapie omeopatiche: scelta del rimedio omeopatico

In definitiva, quindi, la scelta di un rimedio omeopatico, in acuto, deve essere fatta in relazione alla possibile circostanza che ha scatenato il disturbo e, in assenza di questa, alle caratteristiche distintive della patologia, definite dalle modalità di aggravamento e peggioramento dei sintomi, nonché da loro specifiche peculiarità che, dalla causa esterna - in assenza di questa - ci permettono di passare a curare la condizione interna, o predisponente, della persona.
Solamente al termine di un simile e complesso ragionamento si potrà scegliere la diluizione più adatta e la sua più corretta ripetizione della terapia omeopatica, ma ovviamente ci troveremo al termine di un processo difficilmente realizzabile da chi non ha familiarità con concetti - avanzati - di costituzionalismo, miasmi e, in definitiva, di piena conoscenza dell'essere nella sua costituzione originaria, e individuale, e nella sua evolutività patogena.

Disturbi e terapie omeopatiche: effetti collaterali

Infine va sfatato anche il fatto che l'omeopatia non abbia effetti collaterali, dal momento che la sua applicazione semplificata porterebbe a ripetere troppo spesso, e troppo a lungo, un rimedio apparentemente terapeutico, ma in realtà ancora solo sintomatico, con il rischio di approfondire i disturbi, o far insorgere sintomi legati proprio alla sperimentazione di quel dato rimedio, sperimentazione che poi è alla base della definizione - omeopatica – di rimedi della natura, prescritti cioè per massima somiglianza con il quadro tossicologico di una sostanza che, somministrata invece a dosi molto basse, è in grado di guarire da quel quadro, così come da altrettanti quadri simili, ma naturali.

Disturbi e terapie omeopatiche: conclusioni

Scopo ultimo di quest'area del sito, è quindi fornire all'utente una valida conoscenza dell'omeopatia, della sua finezza investigativa, di quello che la differenzia dalla medicina tradizionale, e la fa preferire a questa in numerosi casi, per pervenire non tanto, e ancor meno in maniera autonoma, ad un rimedio naturale alternativo alle medicine tradizionali, ma piuttosto ad un terapeuta completo che abbia compreso, per ogni disturbo, acuto o cronico, cosa effettivamente curare, e quale metodologia di volta in volta preferire (omeopatica o allopatica).

Disturbi e terapie omeopatiche: l'omeopatia dalla A alla Z

Se desideri approfondire alcuni dei temi trattati nella guida, ti invito a collegarti alla seguente pagina: www.omeopatiaroma.eu/divulgazione.


domande omeopatia
Copyright©2002 Tutti i contenuti, anche parziali, presenti su www.omeopata.org non possono essere riprodotti senza autorizzazione.