Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Continuando la navigazione su omeopata.org senza modificare le impostazioni del browser, l'utente accetta tale utilizzo.

Accetto
Omeopatia Roma
Dott. Candeloro Omeopata
omeopata.org Dr. Candeloro omeopata Omeopatia Omeopatia Hahnemann Omeopatia indicazioni Omeopatia guarigione Omeopatia link Omeopatia divulgazione Studio Omeopatia contatti

Cefalea e Omeopatia - L'omeopatia per la cura della cefalea

 

- redazionale già pubblicato su www.cure-naturali.it


Omeopatia per la cura della cefalea: introduzione e sintomi

Con Cefalea si intende qualunque mal di testa, le cui cause possono essere sconosciute (cefalea essenziale) oppure riconducibili a patologie generali o specifiche delle strutture anatomiche del capo sia intra, sia extracraniche.
Benché le cause di cefalea siano molteplici, è tuttavia possibile che alla base di esse ci sia un meccanismo comune, consistente in una ipersensibilità dei recettori periferici e centrali a mediatori dell'impulso nervoso, attivi anche sulle pareti dei vasi. Da ciò deriverebbe che sia le cefalee di origine vascolare, per vasospasmo e successiva dilatazione, sia quelle nevralgiche, possono essere ricondotte ad una stessa causa funzionale.
In questa sezione noi ci occuperemo essenzialmente di due tra le più comuni forme di cefalea, vale a dire quella muscolo-tensiva e la cefalea vasomotoria.
La cefalea muscolo-tensiva, detta anche gravativa o posteriore, per le sue modalità di presentazione e la tipica localizzazione iniziale – occipitale – origina da un'eccessiva tensione dei muscoli del viso e del collo spesso scatenata da situazioni di stress, tensione e, tra i mutamenti atmosferici, in particolare clima freddo-umido. In soggetti che ne sono affetti spesso si evidenzia una tipica verticalizzazione del tratto cervicale della colonna vertebrale.
La cefalea vasomotoria, detta invece fronto-temporale o anteriore, per la sua prevalente localizzazione, si manifesta con crisi dolorose e violente talvolta precedute da sintomi premonitori (aura) e molto spesso accompagnate da sintomi digestivi. La più comune tra queste, con localizzazione in generale ad un'emifaccia, è l'emicrania.
La medicina tradizionale cura questi due tipi di cefalea in maniera diversa ma sovente quasi esclusivamente sintomatica, sebbene faccia rientrare la forma muscolo-tensiva in sindromi ansioso-depressive, che sembrano dunque giovarsi dell'assunzione di farmaci diretti più che al sollievo del dolore a quello del tono dell'umore. Nell'emicrania, invece, oltre a potenti farmaci vasocostrittori, si fa anche attenzione a circostanze alimentari, comportamentali e ormonali che sembrano favorire il sopraggiungere delle crisi, al fine di precederle, oppure di intervenire, comunque, il più precocemente possibile.

Omeopatia per la cura della cefalea: rimedi omeopatici

Ancora una volta le cure omeopatiche hanno un duplice scopo, quello cioè di intervenire in acuto per attenuare presto e bene gli sgradevoli sintomi di cefalea, con rimedi che, come sempre, terranno conto soprattutto delle circostanze in cui più facilmente si verificano le crisi (esposizione a vento freddo, correnti d'aria, umidità e capelli bagnati; stati di irritabilità, dispiaceri e frustrazione; libagioni eccessive o caratterizzate in quantità da cibi che possono favorire l'origine di disturbi; surmenage psichico e/o fisico, perdita di sonno, traumatismi locali, o sforzi che abbiano gravato sulla zona, ecc) riuscendo così, già a partire da questi stati, a fare una terapia causale o eziologica che, proprio per tali motivi, si mostrerà presto risolutiva.
Ma ancor più, e ancor meglio, l'omeopatia fornisce i migliori servigi nella prevenzione del ripetersi dei disturbi, proprio perché in grado di effettuare uno studio sempre molto approfondito, e unitario, della persona, che permetterà di verificare condizioni complessive - dell'intero organismo cioè - in grado di favorire il continuo ripetersi dei disturbi. Inoltre il vantaggio delle cure omeopatiche sarà anche quello che, a differenza di quelle tradizionali, per lo più solo sintomatiche, cercando di agire sempre sulle possibili cause dei disturbi (circostanze scatenanti, o condizioni complessive predisponenti) non sarà gravata da quel fenomeno di rimbalzo (rebound) che si verifica alla sospensione di ogni semplice sintomatico, e che in questi casi favorirà quindi il ripresentarsi dei sintomi.
Tra i rimedi omeopatici più spesso utilizzati in acuto, ricordiamo oltre al sempre valido Belladonna (mal di testa pulsante aggravato da luce, rumore e movimento), Nux vomica in quei casi provocati da libagioni eccessive o consumo smodato di alcolici, caffè, come anche, però, esposizione a vento freddo; Dulcamara, rimedio principe di tutti i disturbi provocati dall'esposizione al tempo umido; Rhus tox per le conseguenze legate ad affaticamento eccessivo della parte e Arnica, invece, come rimedio di traumi, anche datati, della regione cervicale; Actea racemosa, infine, è spesso indicato nelle crisi che hanno attinenza con le mestruazioni delle donne, e in particolare che si accentuano con l'aumentare del flusso, a differenza di Lachesis in cui le crisi, invece, nelle medesime circostanze, si attenuano.

^ Torna a "Omeopatia dalla A alla Z - II parte"

domande omeopatia
Copyright©2002 Tutti i contenuti, anche parziali, presenti su www.omeopata.org non possono essere riprodotti senza autorizzazione.