Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Continuando la navigazione su omeopata.org senza modificare le impostazioni del browser, l'utente accetta tale utilizzo.

Accetto
Omeopatia Roma
Dott. Candeloro Omeopata
omeopata.org Dr. Candeloro omeopata Omeopatia Omeopatia Hahnemann Omeopatia indicazioni Omeopatia guarigione Omeopatia link Omeopatia divulgazione Studio Omeopatia contatti

Colon irritabile e Omeopatia - L'omeopatia per la cura del colon irritabile

 

- redazionale già pubblicato su www.cure-naturali.it


Omeopatia per la cura del colon irritabile: introduzione e sintomi

Si tratta di un disturbo di cui abbiamo già parlato a proposito del termine generico di colite, precisando che si tratta di una condizione molto frequente, per lo più funzionale, che non provoca cioè particolari lesioni delle pareti intestinali, e quindi presenta in generale un decorso e una prognosi benigni. Il sintomo più frequente è il dolore crampiforme e/o il senso di tensione, avvertiti in addome, anche indipendentemente dai pasti, proprio per il fatto che questo disturbo, più frequente nel sesso femminile e in età giovanile, si associa molto spesso a stati ansiosi e di tensione emotiva. Dal punto di vista delle funzioni intestinali l'aspetto più evidente è la loro alternanza, con prevalenza di episodi di diarrea oppure di stitichezza; in soggetti particolarmente sensibili ed emotivi, poi, vi si associa spesso il quadro della diarrea emotiva, che comporta il verificarsi di questa prima, o in concomitanza, di esami, gare o circostanze che determinano comunque un importante coinvolgimento della persona.
Proprio per il carattere del disturbo non solo locale, ma sovente anche psichico, è evidente che, sebbene sia descritto come una sindrome che interessa prevalentemente l'intestino, in realtà è tutto l'organismo che si trova ad esserne coinvolto, a riprova, se ancora ce ne fosse bisogno, della sua natura unitaria e indivisibile. Tuttavia la medicina tradizionale tende a trattare come sempre i due ambiti – psichico e fisico – distintamente, con approcci che utilizzano, per gli organi interni, per lo più antispastici o antidiarroici, mentre per l'emotività della persona, blandi ansiolitici, oppure il ricorso alla psicoterapia.
Utili ovviamente i fermenti lattici, o probiotici, e alcuni accorgimenti alimentari che riguardano soprattutto l'introduzione o l'esclusione delle fibre alimentari, e l'osservazione di quei cibi a cui più facilmente il paziente manifesta intolleranza. A questo proposito va detto che proprio recentemente alcune forme parziali di intolleranza al glutine sarebbero state riconosciute alla base di quadri incompleti di malattia celiaca, e anzi decisamente più simili, nel loro presentarsi, al colon irritabile, forme che traggono giovamento proprio dall'eliminazione, per un po' di tempo, del glutine dalla dieta.

Omeopatia per la cura del colon irritabile: rimedi omeopatici

Il vantaggio di ricorrere all'omeopatia, in questo tipo di disturbo, è proprio quello che essa è in grado di trattare, tanto in acuto, quanto in cronico, il paziente nel rispetto della sua naturale e indivisibile unitarietà, cosa che ci permetterà di effettuare una terapia sempre causale o eziologica, che vedrà l'utilizzo di rimedi diversi a seconda delle circostanze scatenanti i disturbi oppure di peculiarità distintive, anatomiche e funzionali, come anche ambientali, di pazienti affetti tutti dalla stessa sindrome.
Per farci un'idea della finezza investigativa dell'omeopatia citiamo brevemente alcuni dei rimedi omeopatici più frequentemente utilizzati in questi casi: Ignatia è un rimedio capace di curare individui che soffrono interiormente di contrasti e dispiaceri, ma che tuttavia mostrano anche una rapida variabilità dell'umore, in positivo, anche per semplici motivi di distrazione. Insieme ad Argentum nitricum, Ignatia è senza dubbio uno dei rimedi più utilizzati in quelle forme di diarrea emotiva, di cui precedentemente abbiamo parlato: questo tipo di diarrea, però, in Argentum si verifica spesso prima di prove ed esami, mentre Ignatia la presenta per lo più a motivo della sua ipersensibilità, che la porta a preoccuparsi anche di situazioni di sola socialità.
Altro rimedio che somatizza molto, a livello fisico, ansie e paure, ma presenta in queste circostanze anche uno stato di confusione e disorientamento, è Gelsemium, il cui sintomo fisico per eccellenza è il tremore, avvertito sovente anche come semplice sensazione interna. Nux vomica è il grande rimedio di tutti i pazienti che mangiano e bevono in quantità eccessiva, sono sedentari, fanno utilizzo di sostanze stimolanti e/o sono sottoposti a forti stress occupazionali: in essi l'intestino reagisce con spasmi e dolori, cercando di liberarsi da tutto ciò che li intossica attraverso continue variazioni delle funzioni intestinali.
Infine citiamo altri pochi rimedi, solo per evidenziare come l'omeopatia differenzia i pazienti affetti da uno stesso disturbo: China regia presenta defecazioni dopo tutti i pasti, Colocynthis dopo attacchi di collera o indignazione, Carbo vegetabilis è utile in pazienti con intenso meteorismo scatenato da ogni minima assunzione di cibo.

^ Torna a "Omeopatia dalla A alla Z - II parte"

domande omeopatia
Copyright©2002 Tutti i contenuti, anche parziali, presenti su www.omeopata.org non possono essere riprodotti senza autorizzazione.